Top Eleven 2018 Manager di Calcio – Recensione

Recensione Top Eleven 2018 - Manager di Calcio

Top Eleven 2018 – Manager di Calcio – Allena la tua squadra con un click

Top Eleven  non è un manageriale di calcio per smartphone e tablet. È IL manageriale di calcio per smartphone e tablet. Questo gioco mette insieme una comunità di oltre 170 milioni di giocatori da ogni parte del mondo. Anche in Italia il successo di questo gioco è notevole, del resto siamo da tempo una popolo di “allenatori della nazionale”.

 

Immediato fin dal primo utilizzo

Crea Tattiche Rivoluzionarie - Recensione Top Eleven 2017 - Manager di Calcio

Al primo accesso al gioco veniamo subito gettati nella mischia. Non appena ci siamo registrati c’è da preparare la formazione ed allenare la squadra durante una partita amichevole. Fin dalle prime schermate appare chiaro che questo titolo fa della facilità di utilizzo uno dei sui aspetti cardine. Nella schermata di squadra vediamo le maglie dei nostri giocatori schierate in campo secondo il modulo prescelto. Sotto ogni maglia è visibile il nome di un calciatore accompagnato da un certo numero di stelle a seconda della sua bravura e una freccia il cui verso ne denota la forma fisica.

Come prima mossa è possibile cercare nella nostra panchina qualche valido rimpiazzo se vediamo che ci sono dei titolari che non ci sembrano all’altezza. Cliccando su un giocatore si apre la sua scheda completa in cui possiamo vedere tutte le informazioni di cui necessitiamo. Se lo desideriamo possiamo accertarci del morale dei giocatori e della loro condizione fisica. Con calma sarà poi possibile studiare le statistiche e i punteggi nelle varie abilità di tutta la nostra rosa.

Schierata la formazione veniamo invitati ad una partita amichevole per familiarizzare con gli aspetti del match. Gli incontri avvengono in diretta, le azioni migliori vengono commentate ed è possibile prendere scelte tattiche e tecniche in qualsiasi momento. Possiamo cambiare formazione, chiuderci in difesa se siamo in vantaggio o adottare moduli più offensivi se dobbiamo recuperare. Durante l’intervallo è possibile controllare le statistiche del primo tempo e veniamo informati anche sulla quantità di tifosi presenti alla partita.

Terminata la partita d’esordio ci ritroviamo nella schermata principale da cui è possibile accedere a tutte le funzionalità del gioco.

Allena i tuoi giocatori

 

Allena il Tuo Tea - Recensione Top Eleven 2017 - Manager di Calcio

Allenare i nostri giocatori è cruciale per migliorarli ed avere a disposizione una rosa sempre più competitiva. Possiamo scegliere il livello di intensità dell’allenamento e la tipologia di esercizi da svolgere a seconda delle abilità da migliorare. Anche la nostra abilità di allenatori migliora col tempo. Più allenamenti facciamo e più nuovi esercizi sblocchiamo. È inoltre possibile personalizzare l’allenamento dei nostri giocatori per concentrare gli sforzi sulle abilità più importanti di ciascuno di loro.

Il mercato dei trasferimenti

Osserva e Ingaggia Futuri Campioni - Recensione Top Eleven 2017 - Manager di CalcioCome ogni manageriale di calcio che si rispetti anche Top Eleven regala ai suoi giocatori le emozioni del mercato trasferimenti. È possibile partecipare alle aste per accaparrarsi i giocatori non più desiderati dalle loro squadre. Allo stesso modo possiamo anche mettere all’asta i nostri giocatori se dobbiamo liberare spazio nella rosa o far cassa.

Fare gli acquisti giusti a prezzi vantaggiosi nei ruoli in cui la nostra squadra è carente è quello che fa la differenza fra un manager vincente ed un perdente. Vendere giocatori poco utili per reinvestire il denaro incassato è un’altro aspetto molto importante del gioco.

Stadio e sponsor

Crea il Tuo Club da Zero - Recensione Top Eleven 2017 - Manager di Calcio

Un buon manager di una squadra di calcio deve sapere che le entrate di una società non si basano solamente sui proventi dei trasferimenti. In Top Eleven è necessario mostrare di essere manager di una squadra di calcio anche oltre il campo e le compravendite di giocatori.

Durante la stagione riceveremo diverse offerte dagli sponsor. Saremo chiamati a prendere ogni tipo di scelta, dai diritti televisivi alla scritta sulla divisa di gioco. A tal proposito in questo titolo è pure possibile personalizzare la maglia della nostra squadra a seconda delle nostre preferenze.

Un discorso a parte va riservato alla sezione “infrastrutture”. Non dobbiamo solo preoccuparci della capienza e del miglioramento dell’arena di gioco, ma anche delle costruzioni in tutta la zona dello stadio. Non basta dover pensare alla presenza di eventuali buche nel manto erboso ed alla loro riparazione. Siamo chiamati anche a prendere importanti scelte manageriali per quanto riguarda la costruzione di parcheggi nelle zone limitrofe all’arena. Inoltre dobbiamo prenderci cura dei campi di allenamento di prima squadra e settore giovanile. Per finire il reparto “infrastrutture” non poteva mancare l’edificio degli uffici e quello degli studi medici per la cura dei nostri calciatori.

Pro e contro di Top Eleven

Top Eleven 2017 è un gioco che si colloca davvero nell’Olimpo di questo genere. La facilità di utilizzo e l’intuitività di tutte le sue funzioni lo rendono un titolo assolutamente da giocare. L’accessibilità da smartphone e tablet oltre che da pc rende le cose ancora più semplici e ci permette di fare piccole sessioni di gioco anche in brevi ritagli di tempo.

D’altra parte c’è da dire che i giocatori esperti e navigati di giochi manageriali di calcio e molto esigenti in questo tipo di titoli, potrebbero trovare Top Eleven 2017 troppo semplicistico. Il gioco non è banale, gli aspetti da curare sono molti, ma la concorrenza su pc in questo genere di titoli è veramente di altissimo livello ed è forse maggiormente adatta a soddisfare i palati più fini ed esigenti.

Clicca qui per scaricare Top Eleven 2018 – Manager di Calcio.

Clicca qui per i migliori giochi di calcio per Android.

Condividi questo articolo

About Alberto Salani

Alberto Salani, classe 1983, laureato in matematica, è da sempre appassionato di giochi. Che si tratti di nottate solitarie davanti ad un pc o una console, di una rapida sessione di gioco con lo smartphone o il tablet, di un pomeriggio con gli amici a tavolino a fare un gioco in scatola o di una serata a giocare a basket, calcetto o beach volley, quando c’è da divertirsi non si tira mai indietro.

View all posts by Alberto Salani →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *